Tubi acciaio

I TUBI IN ACCIAIO

Il processo di fabbricazione del tubo di acciaio saldato è stato inventato negli anni venti del XIX secolo dagli inglesi James Russell e Cornelius Whitehouse durante il pieno sviluppo della prima Rivoluzione Industriale anglosassone. Da allora i tubi di acciaio continuano a mantenere la leadership per la costruzione degli impianti per il convogliamento dei fluidi ad uso civile ed industriale in virtù delle proprie caratteristiche chimico-fisiche che, in risposta a requisiti di prestazioni, sicurezza ed economicità, rimangono tuttora fra le migliori scelte progettuali.
Le caratteristiche che ne determinano queste qualità sono principalmente:
• grande resistenza unita alla tenacità che consente di sopportare elevati valori di sollecitazioni addizionali (colpo di ariete, cedimenti di appoggi, vibrazioni, scosse telluriche);
• massima affidabilità nel tempo dovuta alla conservazione delle caratteristiche meccaniche e tecnologiche tipiche dell’acciaio anche in presenza di variazioni più o meno cicliche delle condizioni di stress-tensionale circostanti, garantendo e mantenendo sempre elevati fattori di sicurezza;
• massima adattabilità per tutti i tipi di tracciati grazie alla possibilità di taglio e saldatura in loco ed alla realizzabilità in cantiere di curve e pezzi speciali in acciaio per meglio adattarsi a tutti i profili plano-altimetrici;

• produzione di tubazioni in barre da 3 mtl a 13,5 mtl ed oltre, che offrono ampia adattabilità sia in ambito urbano (dove spesso sono necessarie tubazioni “corte” per bypassare la presenza di sottoservizi e situazioni difficilmente prevedibili in fase di progetto) sia extra-urbano dove invece la possibilità di utilizzare barre da 13,5 mtl permette, lungo la condotta, di utilizzare minori giunti in opera e, non da ultimo, risparmi sui costi di trasporto;
• utilizzo di molteplici qualità di acciai in diversi spessori per affrontare tutte le situazioni di funzionamento idraulico, statico e dinamico, alle migliori condizioni tecniche ed economiche, cosa che nessun altro materiale è in grado di offrire in maniera così versatile.

A confronto con gli altri principali materiali si può affermare che la scelta dell’acciaio alla fine rimane sempre quella vincente.
I tubi in acciaio rispetto a quelli realizzati in ghisa hanno un costo ed un peso metrico decisamente inferiori. I pezzi speciali in acciaio non sono penalizzati dagli elevati costi di quelli in ghisa ed oltre ad avere una reperibilità meno limitata e tempi di produzione più brevi (soprattutto per grandi diametri), non hanno di norma bisogno di sistemi di ancoraggio in blocchi di cemento, che limiterebbero sfavorevolmente sia il tempo che la modalità di posa oltre a determinare forti aggravi ai costi generali dell’opera.
I tubi di acciaio rispetto a quelli realizzati in materiali polimerici (PEAD e PVC) non hanno i problemi legati al progressivo decadimento delle caratteristiche meccaniche che ne precluderebbe a priori il raggiungimento di orizzonti temporali elevati. L’acciaio, inoltre, risulta notoriamente molto meno sensibile alle variazioni termiche, delle quali si deve tenere correttamente conto in fase di stoccaggio e posa delle tubazioni. Da ultimo, l’acciaio non è sottoposto ad eventuali rilasci di sostanze polimeriche nel fluido trasportato, così come non è soggetto alla permeabilità a sostanze quali idrocarburi, pesticidi e solventi che dall’esterno possono trasferirsi all’interno delle tubazioni con conseguente rischio per la qualità e la salute nel caso di trasporto di acqua per il consumo umano.
I tubi di acciaio rispetto a quelli realizzati in materiale cementizio hanno caratteristiche meccaniche ed idrauliche decisamente superiori: più alta resistenza meccanica e maggiore sensibilità ai carichi dinamici, rispetto e conservazione delle livellette di progetto dato che la lunghezza delle singole tubazioni sono sempre superiori ai 2-3 mtl, perfetta tenuta dei giunti e da ultimo anche l’impermeabilità ad elementi esterni che possono trasferirsi all’interno degli acquedotti. Inoltre l’assenza di fragilità dell’acciaio ne determina una superiore praticità per l’assenza di tempi morti necessari ad evitare rotture sia in fase di movimentazione che di posa.
 
 
 
TRATTAMENTO SUPERFICI
TIPOLOGIE DEI PRINCIPALI RIVESTIMENTI INTERNI ED ESTERNI
La protezione delle tubazione può essere messa in atto in relazione alle condizioniambientali in cui opera. I fenomeni di corrosione sono dovuti all’effetto di azioni meccaniche ed elettrochimiche che possono coinvolgere le tubazione, come le operazioni di movimentazione e posa della condotta, la presenza di terreni particolarmente aggressivi e dal passaggio di correnti vaganti disperse da impianti elettrici.  I provvedimenti utilizzati per fronteggiare tali eventuali fenomeni di corrosione che dovessero insorgere sono denominati protezione passiva e protezione attiva a seconda dei sistemi utilizzati. La protezione passiva si realizza con i trattamenti di rivestimento delle superfici delle tubazioni di acciaio, che offrono una barriera nei confronti dei vari agenti aggressivi.
La protezione attiva si identifica nel sistema di protezione catodica: lo scopo è quello di portare le tubazioni ad un livello di potenziale rispetto al terreno tale che non si inneschino fenomeni corrosivi attraverso l’erogazione di corrente dal terreno alla tubazione (che funge così da “catodo”) mediante alimentatori esterni di energia o sfruttando anodi detti sacrificali. Qualora si prefiguri la possibilità che nel corso del tempo una corrente derivante da pile galvaniche fra acciaio e terreno od una corrente dispersa immessa nell’ambiente (dovute alla presenza di linee per trazione elettrica, trasporto di energia elettrica o messa terra di impianti elettrici) possa innescare sulle tubazioni di acciaio fenomeni di corrosione, si consiglia l’installazione di un impianto di protezione catodica anche in virtù dei bassi costi di installazione e manutenzione rispetto all’investimento globale per la realizzazione dell’opera finale.

DESCRIZIONE PRODOTTI

E PRINCIPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO

 

 

Commenti chiusi